lunedì 10 aprile 2017

Un contest di giornalismo partecipativo

Da www.ildolomiti.it:

Un contest di giornalismo partecipativo, dodici incontri tematici tra Trento, Caldonazzo e Mezzolombardo

Il contest si rivolge ai giovani tra i 18 e i 35 anni. Il primo premio è un contratto free lance di un anno presso la nostra testata. Il giornalista Walter Waimer: "Il giornalismo nasce dal basso e questo contest cerca di avvicinare i giovani a questa professione. Un approccio consapevole all'informazione non istituzionalizzata nell'era informatica" 

TRENTO. "La libertà non è star sopra un albero, non è neanche avere un'opinione, la libertà non è uno spazio libero, libertà è partecipazione", i versi di Giorgio Gaber in 'Libertà' possono ben definire il senso profondo dell'iniziativa 'Comunità e narrazione. Contest di giornalismo partecipativo', proposto da Tempora onlus e dal Forum per la pace e diritti umani.

 "Il giornalismo - spiega il giornalista Walter Weimer Perinelli - nasce dal basso e questo contest cerca di avvicinare i giovani a questa professione. Un approccio consapevole all'informazione non istituzionalizzata nell'era informatica, dove la stampa siete voi, la stampa siamo noi". 

Le iscrizioni gratuite al contest, rivolto a giovani tra i 18 e i 35 anni, scade il 28 aprile e prevede dodici incontri tra Trento, Caldonazzo e Mezzolombardo. "L'obiettivo è quello di incentivare - aggiunge il giornalista e conduttore della presentazione - prospettive di sviluppo locale in un'ottica innovativa e tecnologica, oltre a promuovere strategiche collaborazioni di rete e reciproco interesse sul territorio trentino, unendo le specifiche peculiarità del mondo non profit e istituzionale al comparto economico delle comunità beneficiarie".

Un progetto che vede infatti il coinvolgimento di diversi attori come le Politiche giovanili della Provincia di Trento e le politiche sociali, famigliari ed abitative e per i giovani del Comune di Trento, senza dimenticare le amministrazioni comunali di Caldonazzo, Mezzolombardo, CalceranicaTenna, oltre alla Casse rurale Alta Valsugana e quella di Mezzolombardo e San Michele.

Un progetto dove tra i protagonisti c'è anche la testata de il Dolomiti.it come media partner e che mette a disposizione del concorso il primo premio che consiste in un contratto free lance della durata di un anno presso la  redazione, che recentemente ha lanciato la piattaforma 'News together, il Dolomiti Partecipa': l'informazione fatta per i cittadini con i cittadini.

"La nostra associazione - spiega Massimiliano Pilati, presidente del Forum per la pace e diritti umani - si occupa di portare all'attenzione dei cittadini, del consiglio e della giunta provinciale i diritti umani e della pace: sono tematiche difficili e complesse. Oggi è ancora più urgente e interessante capire come arrivano le notizie. Un processo per il quale è sempre più importante ritornare sul territorio. Questa consapevolezza ci ha spinto a cambiare approccio e rafforzare la rete di partner. Ascoltare e parlare significa partecipazione, incentivare l'informazione prodotta dai giovani per i giovani. Questo percorso si insedia nel solco tracciato dalle nostre precedenti esperienze che si sono concentrate nei conflitti dimenticati e trovare le figure di pace".

Si spazia da 'Il Trentino e l'Europa' alle 'Basi fondamentali per una buona notizia', dal 'Giornalismo partecipativo. La Carta europea' a 'Wikipedia', dalla 'Geopolitica e narrazione' all' 'Importanza dell'identità culturale e storica', da 'Il linguaggio istituzionale' a 'L'immagine e il testo' per finire con 'Social e viralità' e il 'Project work'. Un'iniziativa che cerca di arricchire l'informazione dal basso in questa epoca di impoverimento della democrazia e dove tutti sono testimoni di quanto accade. 

 "Un progetto formativo - conclude Christian Troger, consigliere di Tempora onlus - che cerca di incentivare, valorizzare e coniugare il paradigma della 'partecipazione' e la crisi che ingabbia i giovani privandoli di relative opportunità di esperienza, messa in opera dei know-how innovativi e sviluppi imprenditoriali. Un percorso moderno e feed back misurabili, in linea con i criteri delle politiche giovanili delle amministrazioni. Il giornalismo partecipativo è riconosciuto dalla Carta europea e aderisce ai principi di democrazia, partecipazione consapevole, solidarietà e cittadinanza attiva".

 Gli incontri si svolgono a Trento al Centro per la formazione alla solidarietà internazionale in vicolo San Marco 1, a Caldonazzo alla Casa della cultura in via ferrovia 8 e Mezzolombardo all'Istituto di istruzione Martino Martini in via Perlasca.


INFO: www.comunitaenarrazione.it